LETTERE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE SULLE ATTIVITA’ ESTERE.

IL COMMON REPORTING STANDARD (CRS) sta producendo i suoi effetti.

 

L’Agenzia delle Entrate, infatti, ha inviato, relativamente all’anno 2016 (dichiarazione presentata nel 2017), le prime lettere ai contribuenti che risultano detenere attività finanziarie all’estero non debitamente riportate nel quadro RW della dichiarazione dei redditi.

 

Tali comunicazioni hanno il precipuo scopo di incoraggiare il cosiddetto “adempimento spontaneo”.

 

Non si tratta di un atto di accertamento, bensì di un documento propedeutico di indagine nei confronti dei destinatari.

 

È possibile percorrere una delle seguenti strade:

 

  1. non dare pesa alla comunicazione de qua, trascurandola;
  2. chiedere ulteriori chiarimenti alla direzione provinciale competente, al fine di individuare l’investimento oggetto della richiesta;
  3. fornire all’organo richiedente compiute giustificazioni in ordine alla mancata compilazione del quadro RW.

Il contribuente, al fine di valutare la relativa situazione, deve rivolgersi a consulenti ferrati in materia di monitoraggio fiscale.

 

Lo studio SITCHERICI (sitcherici@sitcherici.org - www.sitcherici.org) si occupa, tra l’altro, di internazionalizzazione delle persone fisiche e giuridiche nonché di monitoraggio fiscale

 

Il titolare unico, dott. Ernesto Cherici, ha una formazione economica-giuridica acquisita nel corso dei ventitré anni di servizio trascorsi nella Guardia di Finanza in qualità di Ispettore, dove si è occupato di specifiche mansioni (verifiche fiscali imposte dirette, iva e altri tributi, accertamenti bancari e patrimoniali, antiriciclaggio, indagini in materia fallimentare, frodi fiscali internazionali), che permettono di avere un approccio logico-investigativo nell'affrontare l'attività di consulenza e pareristica che si spinge ben oltre il mero tenore letterale della norma, nonché un'eccellente conoscenza del modus operandi dell’Amministrazione finanziaria.

 

Inoltre è specializzato nell’applicazione delle convenzioni contro le doppie imposizioni.

Scrivi commento

Commenti: 0