Revisione condominiale.

Lo Studio SITCHERICI nell’alveo della propria attività di consulenza si occupa, tra l’altro, di revisione della contabilità condominiale.

 

Il legislatore con l’introduzione di detta figura ha inteso fornire ai condomini un preciso strumento di valutazione dell'operato dell'amministratore.

 

L’assemblea dei condomini ha facoltà di nominare un revisore condominiale, figura prevista dall’art. 1130-bis del codice civile introdotto con la Legge 11 dicembre 2012, n. 220, con il precipuo scopo di verificare la contabilità del condominio, anche per più annualità specificamente indicate, ma anche in taòle alveo la gestione posta in essere dall'amministratore.

 

Il compito del revisore condominiale si estrinseca:

 

  • nella verifica della contabilità (non necessariamente rimodularla ex novo), che potrà avere limiti diversi a seconda della condizione in cui il professionista incaricato si troverà di volta in volta ad operare;
  • nell'esaminare attentamente l'operato dell'amministratore nel svolgere la sua funzione di mandatario del condominio al fine di accertarsi se ha adempiuto alle richieste dell'assemblea, organo sovrano del condominio, in aderenza agli obblighi imposti dalla legislazione, dalla giurisprudenza e dalla prassi.  

 

Il dott. Ernesto Cherici, anche in considerazione della più che ventennale carriera nel Corpo della Guardia di Finanza dove si è occupato, tra l’altro, di verifiche complesse ed indagini patrimoniali internazionali, mansioni che hanno permesso di acquisire significative conoscenze in ambito contabile, è in grado di esperire un’accurata e puntuale verifica della contabilità condominiale, al termine della quale rilascerà apposito parere pro-veritate, che avrà diversi obiettivi come di seguito indicato:

 

  1. contabilità già presentate in assemblea e da questa approvate: la verifica si limiterà ad un’analisi di fondatezza e congruità senza entrare nel merito delle scelte adottate;
  2. annualità prive di bilancio perché mai presentato o mai approvato: la verifica potrà riguardare anche all'accertamento in termini di legittimità, verificando la correttezza dei criteri di ripartizione delle spese;
  3. analisi della gestione dell'amministratore: puntuale disamina in ordine al comportamento tenuto dall'amministratore nell'esperire il compito derivante dal contratto di mandato in essere con il condominio.